DI RITORNO DA CORCOLLE

Roma -

 

Oggi pomeriggio, 30 settembre, siamo stati a Corcolle. Assemblea popolare organizzata in fretta e furia con le trombe attaccate a due batterie, in un pratone abbandonato adiacente il parcheggio del Discount. La gente di Corcolle era lì, alcuni affacciati alle finestre, altri per strada, altri seduti al bar.

L’inizio è stato freddo, c’era diffidenza nell’aria. Sono stanchi di tante visite improvvise, il prefetto, stamattina anche Borghezio, ora gli autisti di Usb. In questi giorni tutte le tv del paese sono piovute a Corcolle, mai tanta attenzione è stata dedicata a questo quartiere venuto su senza alcuna pianificazione urbanistica e dimenticato da tutti. Cristo si è fermato a Corcolle potrebbe funzionare come titolo di un libro su questi luoghi. La gente è stanca di essere descritta dai media in un modo che non gli corrisponde, stanca di essere paragonata a Scampia.

Si aspettavano che fossimo venuti a dirgli quello che pensavamo. E invece siamo andati a dirgli che domani, 1° ottobre, noi siamo in sciopero per l’intera giornata, tutti i trasporti locali si fermano. E lo sciopero riguarda i lavoratori e i cittadini, riguarda le periferie come Corcolle tagliate fuori dalla città. Siamo andati a spiegare le ragioni della nostra lotta e a chiedere aiuto e solidarietà. A proporre di unire le forze per mettere giù un piano di rilancio della sterminata periferia romana, che parli di trasporti ma anche di rifiuti, di sanità, di scuola e di occupazione.

Abbiamo spiegato che chiudere un centro di accoglienza non cambierà la vita di Corcolle, ma permetterà alle aziende e alle amministrazioni di chiudere il discorso. E invece noi lo vogliamo tenere aperto il discorso, ora che si sono accorti della periferia occorre rilanciare, ribellarsi, proporre un’altra agenda di questioni urgenti da affrontare.

C’è voluto un po’, c’è voluto l’intervento di Ilario che sta perdendo il lavoro perché la Trotta Bus Service lo sta licenziando insieme a Valentino per aver partecipato alla trasmissione Presa Diretta su Rai 3 ed aver descritto il disservizio delle aziende private del trasporto pubblico. C’è voluto Walter di Atac e c’è voluta Maria Vittoria del comitato di Tor Bella Monaca per trasmettere un sentimento di vicinanza. C’è voluto Paolo di Rocca Cencia che ha parlato della lotta dei disoccupati. E finalmente Corcolle ha parlato. Prima al microfono, segnalando quello che non va: i topi, l’immondizia, il lavoro che non c’è, la questione dei disabili che non possono usare i mezzi pubblici. Poi a microfoni spenti, quando si sono avvicinati, ci siamo mischiati ed abbiamo cominciato a parlare liberamente.

E’ come se avessimo rotto l’incantesimo. Corcolle non è razzista, Corcolle vuole vivere e chiede giustizia. Bisogna parlare e trovare il terreno dell’unità. Senza partiti, senza politici, senza secondi fini. Per costruire l’unione tra cittadini e lavoratori, le condizioni della convivenza e della lotta. Oggi abbiamo scoperto che si può fare, non è difficile. Ci vuole un po’ di coraggio. Ci vuole un po’ di umiltà. Ci vuole un po’ di speranza.

 

 

 

Federazione Romana

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni