Sciopero generale, le iniziative USB a Rieti per il 10 novembre

PRESIDIO A RIETI PONTE ROMANO/PIAZZA CAVOUR il 10 NOV. dalle ore 9 alle 12, NONCHE’ ALLA

MANIFESTAZIONE A ROMA DI SABATO 11 NOV. INIZIO ORE 14 con CONCENTRAMENTO IN PIAZZA VITTORIO.

Rieti -

LAVORO, DIGNITA’, GIUSTIZIA SOCIALE, UGUAGLIANZA TRA TUTTI GLI ESSERI UMANI.

LOTTIAMO PER I DIRITTI  UMANI  UNIVERSALI

Sciopero Generale venerdì 10 novembre

Manifestazione Nazionale a Roma Sabato 11 nov.

L’UNIONE SINDACALE DI BASE di Rieti aderisce allo sciopero generale indetto per il 10 novembre e parteciperà alla manifestazione che si terrà a Roma l’11 c.m.

 

·       La crisi economica non si è affatto risolta, almeno per i lavoratori e i disoccupati.

·       Oltre 200 mila posti di lavoro sono a rischio nelle grandi aziende.

·       Assistiamo a nuove forme di precarietà, di ricatti e di schiavitù sul lavoro.

·       Il Documento di Programmazione Economica e Finanziaria darà, ancora una volta, il sostegno dello Stato alle imprese, anziché ai lavoratori, con sgravi fiscali per favorire un’occupazione precaria che finirà non appena scadranno gli sgravi. Poco o nulla per l’aumento dei salari dei lavoratori e gli investimenti per creare lavoro.

·       Si continua ad aumentare l’età pensionabile con danno per gli anziani e per i giovani disoccupati.

·       L’evasione fiscale  -almeno 111 miliardi l’anno accertati- è in aumento.

·       Le privatizzazioni stanno portando allo smantellamento dello stato sociale, favorendo il privato nella Sanità, nella scuola e nella previdenza.

·       L’Italia e gli altri Paesi ad economia avanzata, da anni perseguono un feroce sfruttamento delle risorse del Sud del Mondo, grazie a guerre, corruzioni e repressioni,  oltre a disastri ecologici che stanno causando la fuga di milioni di profughi.

·       Tutto questo alimenta solo conflitti tra persone in difficoltà, grazie anche alla propaganda razzista e xenofoba, funzionale al sistema di sfruttamento capitalista.

·       Mentre le ricchezze si concentrano sempre più nelle mani di una ristretta classe di potentati economici, non si investe nulla per la protezione dei Beni Comuni, come la salvaguardia e messa in sicurezza antisismica, dissesto idrogeologico, la protezione delle fonti idriche e la prevenzione degli incendi che, da soli, produrrebbero centinaia di migliaia di posti di lavoro, integrazione dei migranti, e grande risparmio economico.

 

QUALSIASI ATTIVITA’ PRODUTTIVA SU QUESTA TERRA E’ FATTA DA OPERAI, CONTADINI, IMPIEGATI E PERSONE COMUNI, MA QUASI SEMPRE E’ DECISA DAI PADRONI, ANCHE A SCAPITO DI CHI LAVORA E DI TUTTI GLI ESSERI UMANI. QUELLO PER CUI CI BATTIAMO E’ UNA PRESA DI COSCIENZA DA PARTE DI TUTTI I CITTADINI ED I LAVORATORI PER COMBATTERE DISUGUAGLIANZE, SFRUTTAMENTO, SUDDITANZA E RAZZISMO.

 INVITIAMO TUTTI A

PARTECIPARE ALLO SCIOPERO GENERALE NAZIONALE DEL 10

CON    PRESIDIO A RIETI PONTE ROMANO/PIAZZA  CAVOUR il 10 NOV. dalle ore 9 alle 12, NONCHE’ ALLA

              MANIFESTAZIONE A  ROMA DI SABATO 11 NOV. INIZIO ORE 14 con CONCENTRAMENTO IN PIAZZA VITTORIO.    

Luca Paolocci